Locali che tornano agli antichi splendori, immergendo gli avventori in atmosfere di altri tempi.
Dopo un restauro durato quasi un anno e mezzo, torna alla luce la storica pista da otto corsie del Highland Park Bowl: un bowling club completo di zone bar, ristorante e sala per musica dal vivo.

Higlland park bowl 2

La saga di quella che oggi si può definire come la più antica pista da bowling di Los Angeles nasce nei tempi bui del proibizionismo: un luogo dove si serviva clandestinamente whisky ai giocatori e agli avventori. Nel 1960 il locale si trasforma in una pista da ballo, caduta in rovina nel corso dei decenni successivi.

La ristrutturazione, portata avanti dallo studio 1933 Group, ha comportato interventi e investimenti massicci per riportare il locale all’ambiente originale. I soffitti sono stati rialzati per svelare l’architettura originale di archi e capriate e gli strati di vernice applicati nel corso degli anni sono stati eliminati per rivelare un enorme murales dell’epoca.

highland_park_bowl_-_photo_credit_leonidas_jaramillo

Tutti i macchinari della sala bowling sono stati revisionati, riparati e rimessi in funzione. Nessun dettaglio è stato lasciato al caso: il progetto di riportare l’Highland Park Bowl all’aspetto originale ha comportato anche la ricerca degli arredi e delle decorazioni d’epoca.

Highland park bowl 3

Il menù dei cocktail pare preso a piene mani da un classico della cinematografia come “Il Grande Lebowsky”: si parte da una rivisitazione del  White Russian per concludere con il “Belle of the Bowl”, drink rinfrescante con gin, succo di lime, cetriolo e soda aromatizzata al timo.

Higlland park bowl 10

Highland Park Bowl, 5621 N. Figueroa St, LA, California

Articolo: Mauro Farina   Contributi fotografici: 1933group

Commenti

Mauro Farina
Mauro Farina

Founder - Creative Content Manager

Altoatesino di nascita, bolognese nel cuore e veronese d’adozione, vive in simbiosi con la sindrome del bambino di fronte alla vetrina del negozio di giocattoli. Vorrebbe comprare tutto, ma non potendoselo permettere sublima raccontando ciò che divora con gli occhi.

No Comments Yet

Comments are closed